Preview
You must first complete Module 0-4 VET course before viewing this Lesson

TIROCINIO PRESSO IL RISTORANTE «IL LOCALE»

Il Locale” ha bisogno di un nuovo cameriere di sala. L’inserimento prevede 6 mesi di tirocinio, per poi eventualmente passare ad una assunzione a tempo indeterminato.
Il ristorante è piuttosto grande e frequentato (si trova nel centro della città): la sala ha 30 tavoli e può arrivare fino a 100 coperti.
Tra la sala e la cucina c’è un piano di scale.

Attualmente il ristorante conta 2 cuochi e 1 aiuto cuoco, 4 camerieri di sala e 1 cassiera.

E’ aperto tutti i giorni, con il lunedì di riposo.

Profilo richiesto
Il tirocinante deve essere energico, rapido e disponibile a lavorare dalle 17 alle 22, anche nel week end. Nel turno serale, in sala il tirocinante lavorerà con altri 3 colleghi.

Orario di lavoro/mansioni assegnate
Tra le 17.00 e le 19.30:
– pulire la sala e apparecchiare i tavoli
Dalle 20.00:

– Prendere le ordinazioni

– Servire ai tavoli

– Sparecchiare i tavoli che si liberano

Alle 19.30 è prevista una pausa di 15 minuti

CHI TI SEMBRA IL CANDIDATO PIÙ ADEGUATO?

SCEGLI TRA I 4 PROFILI PROPOSTI

Carla

Carla ha 19 anni ed ha la sindrome di Down. Vive in centro con i genitori.
Ha frequentato l’Istituto per il turismo, che ha terminato da un anno. Attualmente sta frequentando un corso di formazione per addetta alle pulizie, che terminerà fra 2 mesi. Legge e scrive bene, ha delle buone capacità comunicative e competenze di autonomia personale.

A livello comportamentale fatica a seguire le regole e non accetta le critiche.

Le piace stare in mezzo alla gente.
E’ una ragazza dinamica, usa da sola i mezzi pubblici, fa sport, sa usare il computer (soprattutto i social).
Le piace alzarsi prestissimo la mattina ed andare a letto presto. Gode di ottima salute.

Giorgio

E’ un ragazzo con la sindrome di Down di 21 anni. Vive in centro con la sua famiglia. Ha terminato la Scuola superiore ad indirizzo socio-psico-pedagogico da 2 anni e ancora non ha avuto esperienze lavorative.

A breve dovrebbe iniziare a frequentare un corso di formazione sul computer.

Ha buone competenze di autonomia personale e sociale, legge e scrive molto bene. E’ autonomo in casa e sta iniziando ad uscire da solo. Frequenta un gruppo di amici dell’associazione persone Down.

Da grande, dice, vorrebbe fare il medico.

Barbara
Ha 27 anni, ha la sindrome di Down e vive in un quartiere abbastanza centrale della città con la famiglia.
Ha frequentato l’Istituto alberghiero ed effettuato due tirocini nel settore dell’accoglienza (albergo) e del turismo (agenzia di viaggi). Legge e scrive abbastanza bene, è estroversa e si fa capire, nonostante abbia oggettive difficoltà di comunicazione. Comprende istruzioni semplici.
E’ una ragazza molte educata e gentile. E’ un pò solitaria e con pochi amici, motivo per cui sta spesso in casa dove aiuta la madre tra servizi e cucina, soprattutto il pomeriggio. La mattina a volte esce per piccole spese o per andare in palestra. Va in giro da sola con i mezzi pubblici. Le piacerebbe lavorare come commessa.

Simone
Ha 29 anni e vive in periferia con i genitori e la sorella maggiore. Ha una lieve disabilità intellettiva.

Ha concluso da molti anni la scuola alberghiera.

Ha già avuto 2 esperienze di tirocinio: una in un fast food, come operatore di sala, l’altra in un albergo, come cameriere ai piani. Ambedue le esperienze sono state positive.
Legge e scrive con grande difficoltò, ma sa eseguire mansioni semplici e seguire le istruzioni.

E’ in sovrappeso e molto pigro. Adora vedere la televisione e fare tardi la sera, stare su Facebook e uscire con gli amici per andare al cinema o a cena fuori, soprattutto nel week end.
Quando esce da solo va a piedi, non è abituato ad usare i mezzi pubblici, ma la sua famiglia lo spinge molto ad essere attivo ed autonomo.

Chi sceglieresti?

CONSIDERAZIONI SUI CRITERI DI SCELTA DEL CANDIDATO.

Carla e Giorgio sono troppo giovani, appena usciti da scuola e privi di esperienze dirette col mondo del lavoro. Hanno bisogno di iniziare con un percorso di orientamento che li aiuti a capire chi sono, a conoscere le proprie capacità e limiti e a percepirsi e comportarsi da adulti. In questo modo impareranno ad accettare anche i propri limiti e il confronto con l’altro (soprattutto Carla) e ad avvicinare il piano delle aspettative a quello di realtà (Giorgio, che vorrebbe fare il medico). Benissimo per loro corsi di formazione ma non un’esperienza intensiva con potenzialità di assunzione, che presumibilmente sarebbe prematura.
Da considerare anche le abitudini di Carla rispetto all’alzarsi/andare a dormire presto, presumibilmente poco compatibili con un lavoro che le richiederebbe di andare a dormire tardi.

Simone per formazione, esperienze e capacità sembrerebbe adeguato. Importante la collaborazione della famiglia rispetto all’autonomia, che fa pensare che potrebbe spostarsi da solo per andare a lavoro.
Le criticità/punti su cui riflettere riguardano il sovrappeso e la pigrizia, che non sembrano in linea con la dinamicità richiesta dal ruolo e dalle mansioni proposte e le difficoltà di letto scrittura, che potrebbero essere un problema rispetto alle ordinazioni (bisognerebbe ragionare con il datore di lavoro, per capire se questo problema può essere arginato con una check list con immagini).

Barbara potrebbe essere il candidato ideale (ma andrebbe cmq verificato sul campo).
E’ giovane ma con un po’ di esperienza (2 tirocini alle spalle). Ha buone competenze, qualche difficoltà di comunicazione ma si fa capire, è educata e gentile (aspetti importanti in un lavoro a contatto con i clienti). In casa è attiva: questo fa presupporre che sia abituata ad effettuare compiti come pulizie, gestione della cucina (apparecchiare, sparecchiare). E’ autonoma, va in giro da sola anche con i mezzi pubblici.

Sta spesso a casa e non ha molti contatti: sicuramente uscire di casa sarebbe importante per lei.

La sua aspettativa lavorativa è generica e l’esperienza di tirocinio potrebbe ri-orientarla.

Print Friendly, PDF & Email
Back to: Test VET course